web
statistics

Vivere a Roma, divertirsi a Parigi, lavorare a Londra: la vita ideale secondo il Global city report

Vivere a Roma, divertirsi a Parigi, lavorare a Londra: la vita ideale secondo il Global city report
October 22, 2009 Gio

Il Global city report 2009 ha fatto le sue nomination. Le categorie, migliore città in cui vivere, in cui divertirsi o lavorare, sono state riempite di vincitrici.

Eletta Roma, considerata un posto ideale per vivere, ma nessun altra città italiana, a parte Milano, è stata presa in considerazione dai 200 opinion leader del settore immobiliare che hanno deciso i candidati e scelto i vincitori.

Il problema sono le mancanze, che in tutte le altre grandi città della penisola, lasciano in sospeso punti fondamentali per il sistema urbano. Certo è che, dal report, Roma sembra la città d’Europa che, in assoluto, mantiene alte le sue promesse con bambini (copre il 25% della richiesta di asili nido) e con l’ambiente (la raccolta differenziata è in crescita del 70% abbondante).

Ma non di sola casa vive l’uomo: bisogna pure divertirsi. Per questo, la ricerca ha messo in evidenza che Parigi è la metropoli del divertimento, il posto in cui tutti dovrebbero andare una volta nella vita per lasciare da parte problemi e pensieri.

Seguendo questa linea di pensiero, un comune mortale che volesse godersi il vecchio mondo, dovrebbe comprare un immobile nella capitale e uno sotto la Tour Eiffel. Ma non è finita qui, perché, per pagarsi questi appartamenti, dovrà pur lavorare. E quale posto migliore di Londra per cercare un impiego? E’ stata infatti la capitale britannica a uscire vincitrice tra le altre città proposte, come miglior luogo in cui lavorare.

Un premio a parte per i paesi scandinavi, al top per quanto concerne il loro interesse per l’ambiente e l’effettivo sviluppo di servizi economico.

Ma la vita non è il monopoli, e tentare di conquistare il mondo che conta in base alle dritte di certi sondaggi è praticamente impossibile. Per cui, se Roma, Londra o Parigi non sono proprio le nostre città natali, meglio non farsene un cruccio: qualcosa di buono nel posto in cui viviamo, non fosse altro che la piazza circondata da palme (vita vera, n.d.r.). E senza essere a Los Angeles.

6 Comments

  1. Denis 8 years ago

    Ma Roma l’hanno mai vista?

    Traffico impossibile, trasporti pubblici inesistenti, strade da rifare, costi alti… Roma è da fuggire, non da vivere

  2. Gio 8 years ago

    @Denis: sapevo che avrei scatenato le ire dei romani con questo pezzo, e in effetti, chi vive nelle grandi città, sa che le cose non sono tutte rose e fiori, anzi. Grazie per il tuo veritiero contributo! 😉

  3. Antonello 8 years ago

    Divertirsi a Parigi??
    mmm….ve lo saprò dire quando torno dalla vacanzetta post festività natalizie.
    Ho appena prenotato un hotel nella ville lumière (http://www.atrapalo.it/hotel/72698-0_hotel-grenelle-paris-tour-eiffel) quindi vi saprò dire a riguardo del divertimento solo tra qualche mese 😀

    Salut a tout le monde 😉

Pingbacks

  1. Author

    […] This post was mentioned on Twitter by Davide Licordari, Davide Licordari. Davide Licordari said: via @Gioska23 Vivere a Roma, divertirsi a Parigi, lavorare a Londra: la vita ideale secondo il Glo.. http://bit.ly/FcXSn […]

  2. Author

    […] Vivere a Roma, divertirsi a Parigi, lavorare a Londra: la vita ideale secondo il Global city report Scritto da: il 2009-10-22 […]

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*