web
statistics

Motorini di bollicine e collant sull’elmo di Scipio: ecco gli spot proibiti.

Motorini di bollicine e collant sull’elmo di Scipio: ecco gli spot proibiti.
October 15, 2009 Gio

Ha cominciato il Presidente della provincia di Savona, Angelo Vaccarezza, a dire che no, l’Inno d’Italia è una cosa seria, non si scherza con l’elmo di Scipio, e via dicendo.

L’inno di Mameli non e’ uno scherzo. E’ una cosa seria e sentirlo in un spot per pubblicizzare delle calze da donna e’ una vergogna“.

Sono state queste, in realtà, le sue esatte parole. Tutto per un paio di collant, tra l’altro, protagonisti dello spot Calzedonia in onda in questi giorni, e che riporta, in una versione femminile e leggermente variata dall’originale (Sorelle d’Italia anziché i soliti Fratelli), l’inno italiano in salsa rosa.

Chiedo espressamente all’azienda di eliminare dallo spot le note di Mameli, l’inno non deve essere violato in nessun modo. Lo chiedo a nome non solo dei savonesi, ma di tutti gli italiani che hanno a cuore il ‘canto degli italiani’ che rappresenta la nostra nazione.

I savonesi tutti e gli italiani, da Nord a Sud, che non hanno di meglio da pensare che allo spot Calzedonia, molto garbato e femminile, a dir la verità, e per niente offensivo, possono abbassare la testa e decretare l’inutilità della questione. Perché, a questo punto, se proprio è necessario non violare il sound del nostro patriottismo, allora l’inno dovrebbe essere cancellato anche dalle partite di calcio, dove abominevoli cantanti/calciatori la canticchiano prima della partita.

Di altro avviso è la critica di questi giorni rispetto al nuovo annuncio stampa della Gancia, visibili su autobus e maxi cartelloni nelle città italiane. Protagonisti, questa volta, non un paio di calze, ma due ragazzi, senza casco (ahi!), in due su un motorino (ahi!), la tipa che guida che guarda dietro e non avanti (ahi!), il tutto su un mezzo fatto completamente di bollicine (ahi!).


L’agenzia pubblicitaria che ha creato l’annuncio per rilanciare l’azienda vinicola Gancia è la Phoenix Adv di Torino, che ha pensato di creare il claim Sganciamoci! per rendere l’idea di una rottura con il passato. Insomma, meccanismi usuali per la pubblicità, ma poca ironia da parte di chi ha notato che l’immagine richiama un pericoloso binomio: alcol= guida pericolosa.

Le associazioni dei parenti delle vittime della strada hanno alzato l’ascia di guerra e pretendono l’eliminazione della campagna. Dal canto loro, quelli dell’agenzia pubblicitaria, hanno tenuto a rispondere alle polemiche per mezzo di un loro legale:

L’immagine è evidentemente un’iperbole e suggerisca l’idea che qualunque oggetto si possa trasformare in bollicine. Oltretutto, se si guarda con attenzione si scopre che lo scooter non è in movimento: ha il cavalletto abbassato“.

Scooter fermo o no, le polemiche restano. Ci si potrebbe consolare con un’immagine dello Spot Calzedonia di sopra: la tipa in glamourissimi leggings e gonnellino svolazzante, prima di salire sul motorino del moroso, il casco lo infila, eccome.

Non si potrebbero unire le due cose e fare uno spot che vada bene a tutti?




5 Comments

  1. I(ro)Nic 8 years ago

    Non sapevo che Scipio andasse in scooter, e mi fa tristezza sapere che la sterile polemica sull’Inno d’Italia è partita proprio da Vaccarezza, famigerato sindaco della città dove sono nato.

    • Gio 8 years ago

      @I(r)Nic: pare sia promotore di molte altre iniziative patriottiche vaccarezza..

  2. Morgana 8 years ago

    Io penso che sia offensivo usare l’inno nazionale per una pubblicità. Certo in Italia abbiamo tanti guai a cui pensare ed è inutile fare polemica su uno spot che tra un pò sarà sostituito da qualcos’altro, eppure la rimostranza è giusta, ci sono dei principi che non andrebbero sviliti , soprattutto per fini commerciali.Le immagini dello spot sono belle, si poteva scegliere una colonna sonora più adatta,una canzone dedicata alle donne, come quella degli spot precedenti

Pingbacks

  1. Author

    […] This post was mentioned on Twitter by Giovanna G., Claudio Gagliardini. Claudio Gagliardini said: RT @davidelico: @Gioska23 L'elmo di Scipio inguainato in una calza nera: lo spot Calzedonia antipatriottico? http://bit.ly/1x8X2J […]

  2. Author

    […] di bollicine e collant sull’elmo di Scipio: ecco gli spot proibiti. Fonte: Motorini di bollicine e collant sull’elmo di Scipio: ecco gli spot proibiti. Scritto da: il 2009-10-15 […]

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*