web
statistics

Mostra del cinema di Venezia: è tempo di Baaria.

Mostra del cinema di Venezia: è tempo di Baaria.
September 3, 2009 Gio

Il film non è solo sulla Sicilia, c’è una prospettiva attraverso la quale le vicende sono narrate che è applicabile a qualunque altro luogo in cui siamo nati e cresciuti. L’idea era quella di raccontare il microcosmo di un paese facendo sentire continuamente la eco di tutto ciò che succede a distanza“.

Parola di Giuseppe Tornatore, attesissimo regista in laguna di un attesissimo film tutto italiano, Baarìa, in preview ieri sera alla Mostra del cinema di Venezia. Per i commenti ci sarà tempo, e ci sarà tempo per le critiche. Intanto, sulle note delle musiche di Ennio Morricone, anche lui presente alla conferenza stampa di presentazione di ieri, le atmosfere un po’ siciliane un po’ marocchine che appassioneranno gli spettatori per colori e suggestioni.

Ma non di solo Baarìa è permeato quest’anno il Festival. Pare che l’alto tasso di sesso estremo e temi come l’incesto e l’omosessualità, lasceranno a bocca aperta addetti ai lavori e non.

Come ogni anno, d’altronde. Già si parla di morbosità e gratuità per la scena di sesso orale più lunga mai vista al cinema, quella di Richard Gere nel film Brooklyn’s Finest, impegnato con una prostituta.

Non solo scandali cinematografici ma anche manifestazioni con tanto di carica in tenuta anti-sommossa. Uno slogan sentito mille volte questo inverno, Noi la crisi non la paghiamo, ha accompagnato un gruppo di manifestanti, poi fermati dalla polizia verso le otto di ieri sera. Entrare nei luoghi della kermesse cinematografica, lì dove stazionano divi di incommensurabile valore culturale non si può.

Blindata Venezia e blindato il film di Michael Moore, Capitalism: a love story, di cui non si sa nulla, ma che non lascia presagire nulla di buono per il governo americano. Torna anche Romero con un horror di tutto rispetto, o almeno così si dice in onore di quello che è stato un regista cult del genere.

Survivor of a dead porta in laguna zombie affamati, così come nelle migliori pellicole del mitico regista.

E ancora, Abel Ferrara, John Lasseter e John Hillcoat, che porta al cinema un classico americano di Cormac Mc Carthy, The road, con un cast stellare (da Viggo Mortenssen a Charlize Theron).

C’è tempo per fare bilanci. Ci sarà tempo per smontare questo o quel film, fiumi di inchiostro verranno versati su questa o quella scena, e il solito critico inveirà contro il solito regista che “avrebbe voluto dire quella cosa” senza riuscirci.


Venezia ha aperto i battenti ieri sera alla sua Mostra più famosa: non resta che vedere cosa verrà fuori da mix micidiale di generi, attori, storie e finalità che sono i film in gara e fuori concorso.

2 Comments

Pingbacks

  1. Author

    […] la lettura dell’articolo originale: Mostra del cinema di Venezia: è tempo di Baaria. […]

  2. Author

    […] Mostra del cinema di Venezia: è tempo di Baaria. Scritto da: il 2009-09-03 […]

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*