web
statistics

Incubi d’estate: Panarea luogo del demonio, coppie prezzemoline e Jackpot assassini.

Incubi d’estate: Panarea luogo del demonio, coppie prezzemoline e Jackpot assassini.
August 24, 2009 Gio

Forse è ancora troppo presto per darla vinta ai soliti discorsi da fine dell’estate, quelli che prevedono immancabilmente la riflessione su dove si andrà, cosa si farà, se qualcosa cambierà e altri futuri semplici d’ordinanza.

Ma c’è poco da fare: l’estate due-zero-zero-nove è finita, miseramente. Così come il sogno di vincere il Jackpot del Super Enalotto, che, fortunatamente,è andato in fumo. Non sopportavo più la tensione, quasi quanto non sopporto guardare una puntata di Lost senza sapere il perché di tutta quella fuffa di misteri.

E a fare un bilancio mediatico dell’estate, non se ne esce vivi.

Solo una costante: il caldo. Quello che i Tg ti presentano come il nemico number one delle giornate d’agosto. Quello che ti appioppano come ottava piaga, come terribile manifestazione dell’imbarbarimento climatico, come probabile assassino, come temibile anticamera della morte. Nella costante “Caldo“, solo un altra cosa batte tutto per ripetitività: i consigli per sconfiggerlo. Me lo ricordo Gramellini, a inizio estate, che dava a tutti il suo Buongiorno su La Stampa, raccomandandosi di non uscire imbardati (consiglio intelligente numero uno), di bere molto (consiglio intelligente numero due), di evitare di fare jogging alle 2 del pomeriggio (consiglio numero tre che pare non abbia trovato un seguito nelle trovate geniali di Monsieur Sarkò).

E’ stato un agosto dedicato ai rave party, e come ogni anno, anche questo ha avuto l’emblematico luogo di perdizione simbolo di ogni male e bocca dell’inferno. Una volta era Llorret de mar a incanalare arcani misteri e terribili misfatti. Ma niente paura: quest’anno la famosa località spagnola è pulita, un atollo di pace indiscussa, perché il demonio si è installato a Panarea. Incollato al suo gommone, il solito giornalista sfigato di Studio Aperto, attivo sul versante interviste sceme anche al 15 di Agosto, ha reso noto che l’estate due-zero-zero-nove ha visto molti giovani ubriacarsi come dei pazzi. Grazie, solito giornalista sfigato di Studio Aperto, ma almeno ti sei divertito: pensa se avessi dovuto andare a misurare la distanza tra i lettini in un qualsiasi lido da ottuagenari ricchi a Jesolo, che tristezza. Invece ti sei beccato fiumi di Mojito e ragazzini scemi, figli degli ottuagenari a Jesolo. Fortunello.

Nel bilancio mediatico, vince e stra-vince la coppia dell’estate, quella sordida trovata pubblicitaria che è il binomio Clooney- Canalis, che, guarda caso, è possibile beccare in ogni momento della liason romantica nata sotto l’ombrellone per la gioia di Dagospia. Mentre limonano selvaggiamente, mentre stendono i panni, mentre corrono in moto, mentre raccattano un gattino indifeso, mentre apparecchiano, mentre si rifanno la forma alle sopracciglia. Perché a nessuno importa se la solita velina acchiappa calciatore si accaparra la star più figa di Hollywood, soprattutto se nessuno nota una cosa importantissima: nella prima foto, quella dello scandalo, quella in cui la Canalis è morbidamente allungata su George, quella là ha chiaramente il doppio mento. Ma questo Studio Aperto non l’ha mica fatto presente.

Beh, c’ha pensato Tutto Sport a mettere le cose in chiaro.

5 Comments

  1. Luigi 8 years ago

    Articolo spassosissimo come sempre, Giò. Però la didascalia alla foto della Canalis col Calippo è di grandissima classe….hahahahahah

    • Gio 8 years ago

      @Luigi :a dire il vero c’aveva già pensato il giornalista di TuttoSport a fare il malizioso..io ho solo quotato in pieno!

  2. Bill Bartmann_- 8 years ago

    This site rocks!

Pingbacks

  1. Author

    […] Incubi d’estate: Panarea luogo del demonio, coppie prezzemoline e Jackpot assassini. Scritto da: il 2009-08-24 […]

  2. Author

    […] Incubi d’estate: Panarea luogo del demonio, coppie prezzemoline e Jackpot assassini. lunedì 24 agosto 2009 | Tratto da: http://blogposh.com/ Nessun commento […]

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*