web
statistics

S.Darko, il post Donnie: ne varrà la pena?

S.Darko, il post Donnie: ne varrà la pena?
July 31, 2009 Gio

Donnie Darko (2001, Richard Kelly con Jake Gyllenhall), non è un film facile, tutt’altro. Quelli che, adesso come adesso, lo amano, l’hanno visto almeno quattro volte. Perché è surreale, onirico, asciutto e strano.

Strana è la storia di Donnie e del suo destino astruso, strana la sua storia d’amore, strana la regia, strana la sceneggiatura in primis. Insomma, chi ha già visto Donnie Darko, e per chi l’ha rivisto per togliersi il dubbio, probabilmente non amerà questo sequel, presentato la scorsa settimana al Giffoni Film Festival e in arrivo nelle sale il 21 Agosto, che riprende nel titolo l’amore per la concretezza già presente nel primo film. Solo nome e cognome. Un’iniziale, S., e un cognome, Darko. S. sta per Samantha, Darko sta per il passato. Che non torna solo al cinema in questo seguito immaginifico di Chris Fisher (pare che Kelly si sia dissociato dal nuovo progetto), ma anche nella vita della giovane protagonista, che ritroviamo sette anni dopo dalla misteriosa e bizzarra morte di suo fratello Donnie. L’attrice è la stessa di allora, l’unica vecchia conoscenza del cast, Daveigh Chase.

Il regista, alle premiere del film, è già stato fortemente criticato, ma lui non demorde. Si appella al fascino di un libro di Kelly, cui, pare, si è rifatto per la sceneggiatura, basata su salti temporali e strani fenomeni fisici:

Abbiamo studiato attentamente The Philosophy Of Time Travel, il libro scritto dal personaggio fittizio Roberta Sparrow, creato appositamente da Richard Kelly per spiegare i fenomeni che accadono nel film e il film stesso“. E conclude per mettere a tacere tutte le altre polemiche: “Tutto quello che succede sullo schermo si spiega attraverso queste due sole fonti di informazioni.

I fan si chiedono se si sentisse il bisogno di questo sequel, e non si fidano del nuovo regista, esordiente al cinema, che pare, abbia stravolto la darkiana memoria del protagonista originario.

Il trailer del film punta tutto su un conto alla rovescia: 4 giorni, 17 ore, 26 minuti, 32 secondi… ecco quando il mondo finirà. Da lì tutto comincia e tutto finisce. Nel surreale totale, forse troppo spinto.

Per i meno fortunati che non avessero visto le premiere, non resta che attendere l’uscita nelle sale di questo film particolare, non per tutti ( è chiaramente di nicchia, ça va sans dire), amaro così come già il cult-film Donnie Darko.

***

Se non vedi l’ora di vedere l’ultima fatica di Tim Burton, Alice in Wonderland, in uscita aMarzo, guardati il primo teaser trailer in italiano!

3 Comments

  1. CINEMAeVIAGGI 8 years ago

    Non ne valeva assolutamente la pena. Kelly infatti aveva già detto che la storia di Donnie doveva finire lì. Adoratori del dio danaro!

    LA MIA RECENSIONE DI S. DARKO: dimmi cosa ne pensi!

    • Gio 8 years ago

      @Cinema e viaggi: ciao! ho letto anche la recensione sul sito su cui probabilmente scrivi te, io non l’ho ancora visto, non so se lo vedrò.
      Complimenti per la tua recensione, in ogni caso.

      Gio

Pingbacks

  1. Author

    […] S.Darko, il post Donnie: ne varrà la pena? Scritto da: il 2009-07-31 […]

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*