web
statistics

La classifica delle canzoni più brutte del mondo (vol. II)

La classifica delle canzoni più brutte del mondo (vol. II)
May 8, 2009 Gio

Esistono canzoni romantiche e canzoni divertenti. Ci sono canzoni allegre e canzoni struggenti. Canticchiamo canzoni con testi stupidi o con testi profondissimi. Ma ci sono anche le brutte canzoni.

Brutta musica, brutti testi, brutto arrangiamento, brutta la voce o le intenzioni del cantante che decide di propinare il brano. Molte potrebbero essere le ragioni della defaillance di una canzone: lo sanno bene gli autori di Blender, un sito di musica da cui è possibile trarre un bel po’ di classifiche. Non bastano più quelle in stile SuperTelegattone, quelle che contaggiano solo le vendite.

Ora è il pubblico a decretare le sorti di un brano, in base al suo charme, alla musica, alla vocalità dell’interprete. Nasce così la classifica delle canzoni più brutte del mondo, di cui potete trovare qui le ultime posizioni.

Al 20° posto della classifica stilata da Blender e i suoi autori, in collaborazione con i lettori del magazine, troviamo Lionel Richie con Dancing on the ceiling del 1986, mentre, saltando un po’ di posizioni, al 17° posto troviamo Hummer con Pumps and a bump, che già dal consonantico titolo non lascia presagire nulla di buono (e basta ascoltarla per capire perché).

Forse solo gli intenditori ricorderanno What’s up dei NonBlondes, mentre, immotivatamente, in 16° posizione spicca una canzone che ha fatto storia, per tutti quelli che hanno seguito e amato Rachel, Monica, Chandler e company, della serie Friends: famosi loro e famosa la sigla, I’ll be there for you dei The Rembrandts, nome artistico ma evidentemente non gradito a quelli di Blender. Addirittura, nella spiegazione della stroncatura che li inserisce al 15° posto, si attribuisce tutto il male di questa canzone al batter di mani che si introduce a un certo punto nell’arrangiamento. Certo, fa molto anni ’90, ma sarà da buttar via per questo?

E’ del 1983 una canzone dei Genesis poco amata , tanto da essersi meritata di finire in questa infamante classifica al 13° posto: il brano è Illigal Alien, e anche i Beach Boys approdano vicinissimi al podio con un titolo esotico, Kakoma.

L’accoppiata mitologica McCartney- Stevie Wonder con Ebony and Ivory del 1983 cade in decima posizione, e anche la regina del pop Madonna si becca unposto con uno dei suoi successi del 2003, American Life.


Non c’è pace per nessuno in questa classifica al sapore di stroncatura.

Eddie Murphy, l’attore de Il principe cerca moglie, si merita un posto in classifica per la sua apparizione in classifica nel 1985 con un brano dal titolo Party all the time, mentre, ormai vicinissimi al podio, ammiriamo i Limp Bizkit con Rollin’ del 2000 inposizione.

La canzone che spicca in terza posizione merita la citazione solo per la motivazione: è un brano dei Wang Chung dal titolo Every Body have fun tonight. Il sottotitolo recita Se questa canzone fosse un party, chiudetevi in un bagno e piangete.

Oggi alla ribalta grazie alla figlioletta (quella di Hanna Montana), Billy Ray Cyrus nel 1992 cantava Achy Breaky Heart, che gli fa guadagnare un bel secondo posto.

E chi c’è alla prima posizione della classifica delle canzoni più brutte del mondo secondo il sito Blender?

Gli Starship, con We built this city: qualcuno li conosce?

Se la risposta è no, poco male: in ogni caso ricordereste la canzone meno degna di essere rimembrata degli ultimi anni.

***

Giò



5 Comments

  1. Le Favà 8 years ago

    A me piace la sigla di Friends ç_ç

    • Tua Gio 8 years ago

      **Le favà: anche a me! Battito di mani incluso 🙂

  2. Morgana 8 years ago

    Ma cos’ha di brutto Ebany and Ivory ? E’ una canzone così dolce e orecchiabile !

  3. Samuel 8 years ago

    La sigla di Friends e “American Life” di Madonna sono due canzoni molto belle. Certo, “American Life” contiene un testo un pò troppo esplicito, mentre “I’ll be there for you” contiene un pezzo un pò odioso del battito di mani, ma non per questo dovevano comparire in quella classifica…

    CMQ, volevo farti i miei complimenti, il tuo blog mi piace molto, sto leggendo ogni articolo e li trovo tutti molto interessanti (te lo dice uno a cui piace leggere e scrivere)…
    Brava!

    • Tua Gio 8 years ago

      **Samuel: grazie dei complimenti, mi fanno molto, molto piacere. Sulla sigla di Friend, come hai potuto notare, è nata una discussione inaudita: in effetti è carinissima! Se hai tempo fai un salto su Blender, il sito (accreditatissimo) dal quale ho tratto questa classifica: dentro ci sono le motivazioni rispetto alla scelta di ogni canzone..è in inglese, ma se te la cavi con la lingua, ti fai anche due risate! Ciao e grazie ancora, Gio

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*