web
statistics

Salvare la Terra: iniziative verdi ed eco-compatibili

Salvare la Terra: iniziative verdi ed eco-compatibili
March 18, 2009 Gio

La nostra terra lancia dei segnali allarmanti, che molto spesso, per pigrizia e inettitudine, non cogliamo.

La retorica, in questi casi, si spreca. Tutto deve essere sostenibile e tutto riciclabile, niente allarmismi ma il pianeta va alla deriva. E quale allarme più impietoso e bruciante di questo?

Consci che le cose stanno cambiando, e che ci siamo messi noi al timone di questa nave dall’approdo incerto, tendiamo alla buona azione.

Vogliamo l’aria pulita, il verde ovunque per i nostri bambini, i ghiacciai intatti, il buco dell’ozono ridotto a uno spiraglio appena percettibile.

Manifestare e gridare contro questa violenza gratuita? Si può. Di più, si deve.

E’ per questo che il 28 Marzo, giorno dell’anniversario della sottoscrizione del protocollo di Kyoto, scoccherà l’ora della terra. Il gesto è minimo: spegnere la luce tra le 20.30 e le 21.30 (ora locale a seconda del fuso orario). Restare al buio, ma sorretti da una grande consolazione: che almeno un altro miliardo di persone ha fatto o farà lo stesso gesto ( a seconda del fuso).

Un mondo al buio per dare segnali forti per tutti quelli che di verde e sostenibilità non ne vogliono sapere nulla.

Non vi basta spegnere la luce? Per il 22 aprile, giornata mondiale della Terra (ormai alla 39 edizione), sono previste tante manifestazioni “verdi” ed eventi planetari.

E se volete coniugare il dovere al piacere, potrete, nello stesso giorno, andare al cinema. A vedere  Earth – La nostra Terra, il primo film targato Disney Nature, etichetta impegnata nel sociale e nelle cause ambientaliste che produrrà film su temi impegnati. Questo, particolarmente, segue tre famiglie di animali in giro per il mondo.

Anche Ermanno Olmi, dall 8 Maggio nei cinema, presenterà un docu-film sul cibo e le implicazioni sociali che riguardano questo e altri temi molto importanti.

Si è conclusa a Milano lo scorso week-end Fà la cosa giusta, fiera dedicata al consumo critico. tra stand dedicati al consumo solidale uno spazio anche per la moda eco. Fibre e tinture naturali, e accessori riciclabili.

E se non vi va di uscire, basta prendere un buon libro: “Il verde va con tutto” di Tamsin Blanchard, pubblicato da Tea, che insegna a tutti a diventare dei bravi ecologisti, e con stile.

Come cominciare nel proprio piccolo ad aiutare questo pianeta che sta andando verso il declino a risollevare la testa?

Dalle piccole cose, motto indiscusso per cambiare ogni cosa. Dalla raccolta differenziata – non ci sono più scuse, ormai è arrivata in ogni paese d’Italia- alla cura per gli spazi verdi che ci circondano.

Non è niente di facile, ma tutto è possibile.

Chi ha bisogno di essere trascinato, potrà seguire tutti quelli che aderiranno alle iniziative su scala planetaria; chi ama vedere per credere, può gustarsi dalla sua bella poltroncina un film; chi ama scoprire le cose piano piano, può leggere un libro.

Soluzioni tante, un’unico obiettivo, quello di salvaguardare la terra, nella quale viviamo e continueranno a vivere, dopo di noi, i nostri figli.

1 Comment

Pingbacks

  1. Author

    […] amici della natura, ovvero eco-friendly, per usare un termine molto di moda, paga. Paga in salute e in immagine: quello che ne esce […]

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*