web
statistics

La pillola per cancellare i brutti ricordi funziona?

La pillola per cancellare i brutti ricordi funziona?
February 24, 2009 Gio

pillole

Ne avrete sentito parlare. Pare che degli scienziati americani abbiano scoperto il modo per cancellare i brutti ricordi.

Niente di naturale: basta un poco di zucchero e la pillola va giù, e anche in questo caso, la medicina è un passaggio obbligato. Ingollare un cucchiaio dolciastro è il successivo, per evitare il lento affiorare di passate, orribili, sensazioni.

Insomma, la scoperta è epocale, o almeno così parrebbe. In primo luogo perchè ancora, come per ogni ricerca scientifica di questo tipo, ci vorranno degli anni perchè venga confermata in qualche modo.

In pratica questi ricercatori hanno scoperto che, se nel momento in cui un paziente ricorda un fatto doloroso trangugia la pasticca, allora avrà successivamente un ricordo meno sofferto di quel momento.

Non si tratterebbe di una vera e propria cancellazione ma, più che altro, di un alleviarsi permanente di un cattivo pensiero. Di un sollievo che aiuta a cancellare lo stress legato a un trauma, a una violenza, a un litigio, a un lutto, a una separazione.

Sembra un film, ma è realtà. E seppur un film abbia già utopisticamente narrato i fatti legati a una simile scoperta (“Se mi lasci ti cancello” con Kate Winslet e Jim Carrey), ciò che accadrebbe davvero se fosse messa sul mercato la pasticca cancella brutti ricordi, è inimmaginabile.

Già però si grida allo scandalo. Sostanzialmente non si riesce ad accettare che una cosa naturlamente portata all’evoluzione come la scienza (legata alla tecnica e alla medicina) possa andare avanti, promettendo o effettivamente creando cose che non avremmo mai pensato potessero essere inventati/scoperti.

Le implicazioni etiche e morali sono molte, ma non così urgenti come si dice: in realtà l’accusa di manipolazione pare eccessiva rispetto a un fenomento artificiale, legato a un farmaco, che attua dei processi che comunque potrebbero essere messi in moto, e inconsciamente, dal nostro cervello.

Gridare alla tragedia, al disastro umanitario (in senso etico, ovviamente, non si vuole entrare in ambiti troppo difficili), alla manipolazione cerebrale, è fuorviante. Non viviamo sotto dittatura, e fortunatemente, le nostre scelte, sono ancora solo nostre. Dei volontari si sono già sottoposti a questo nuovo trattamento (anche se parlare di trattamento è improprio, non è una vera e propria cura), e si dicono soddisfatti. Come non credergli: i pazienti erano tutti vittime di violenza sessuale, sopravvissuti a disastri aerei e via discorrendo. Scommetto che se anche noi fossimo in condizione di non poter più umanamente convivere con un brutto ricordo, e di questa portata, non saremmo più così titubanti ad accettare una simile impostazione scientifica.

Impostazione che si basa esclusivamente sull’innovazione, e sull’evoluzione: una cosa necessaria, unica, importante e decisamente raggiungibile con i mezzi che oggi possediamo.

Se la pillola in questione arriverà mai nelle nostre dispense di medicinali accanto al Vivincì questo non è dato saperlo: ma se voltiamo lo sguardo indietro, di quante cose vent’anni fa avremmo detto la stessa, indentica, lapidaria cosa?

Mente aperta, dunque: per riempirla di bei pensieri, e avere un buchino dove eventualmente spingere quelli tristi, se, per caso, non avessimo voglia di inghiottire l’ennesima pasticca in questa stagione di malanni.

8 Comments

  1. akio 8 years ago

    non mi ricordo cosa volevo scrivere… mmh… ecco cos’era quella pillola che ho preso stamane!…
    la nostra vita ha bisogno anche dei ricordi spiacevoli ho brutti… ci aiutano ad apprezzare meglio le piccole e grandi fortune che abbiamo. buona giornata gio

  2. akio 8 years ago

    “ho” volevo scrivere “o”… non è che quella pillola fa dimenticare anche la grammatica?

  3. elisabetta 8 years ago

    io vorrei tanto provarla perchè da sola non riesco a cancellare un amore e una persona che mi stanno portando all’autodistruzione, è facile parlare quando non si sono vissuti eventi traumatici, per me che ne ho fatto una scorta nella mia vita quest’ultima situazione ha proprio fatto traboccare il vaso, se qualcuno sa dove trovare questa pillola me lo dica per favore………………

  4. elisabetta 8 years ago

    credetemi non sto scherzando, sono disposta a fare anche da cavia, se qualcuno sa come fare ad avere questa pillola me lo dica, o a chi posso rivolgermi, sono davvero stanca di soffrire in questo modo assurdo, è un dolore che mi sta devastanso il fisico e l’anima, aiutatemi.

  5. azzurra 8 years ago

    se esiste veramente questa pillola anche io voglio fare da cavia ,soffro tanto per un aborto che vorrei dimenticare per la mia sopravvivenza,vi prego rispondetemi e aiutatemi

    • Tua Gio 8 years ago

      ***Azzurra, non so se questa pillola funzioni, o se sia in commercio. So però che se hai bisogno di aiuto ci sarà sicuramente qualcuno cui puoi rivolgerti. In questi casi il contatto umano può essere molto più utile di una pillola, credimi.

      Fammi sapere come va,

      Giò

  6. catino vincenzo 8 years ago

    vorrei avere qualche indirizzo a cui rivolgermi onde poter accedere alla cura previo chiarimenti e informazioni dettagliate.
    Credo di averne veramente bisogno attendo risposta alla email indicata grazie

    • Gio 8 years ago

      @vincenzo: ciao! l’articolo sulla pillola per cancellare i brutti ricordi ha destato non poche discussioni. Purtroppo, come avrai letto, non è stata ancora messa sul mercato, e chissà se mai vi arriverà. Dato che in molti siete rimasti colpiti dalla notizia, prometto di documentarmi e di buttare giù un pezzo che spieghi a che punto è l’idea: è ancora solo un’idea?

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*